Le malattie più comuni e diffuse delle piante dell'orto

Sono diversi i fenomeni che incidono sulla salute delle piante dell’orto che molto frequentemente possono essere soggette a condizioni sfavorevoli o a vere e proprie malattie.
Blog

Prevenire le malattie dannose per le piante del tuo orto o del tuo giardino

I coltivatori e tutti coloro che si occupano delle piante dell’orto sanno bene quanto sia importante monitorare costantemente la salute delle piante e quanto sia spesso difficile trovare soluzioni efficaci senza utilizzare prodotti chimici.

Prima però di passare ai rimedi e alle soluzioni per contrastarle, vediamo quali sono le malattie più comuni e diffuse che possono colpire le piante dell’orto. Per chiarezza possiamo dividere queste patologie in malattie funginee e malattie derivanti da condizioni dell’ambiente. Per tutte le malattie delle piante dell’orto è sempre bene informarsi su quelli che sono i sintomi, per imparare a conoscerli e combatterli.

Un sistema sempre fondamentale in questi casi è quello della prevenzione e dell’intervento tempestivo nell’evitare il formarsi delle condizioni tali per cui queste malattie possano verificarsi e rovinare le vostre coltivazioni.

salad-2482457_1920

Malattie Funginee comuni

Tra le più malattie comuni delle piante dell’orto o del giardino dobbiamo considerare innanzitutto quelle che vengono definite come funginee, ovvero quelle patologie parassitarie che sono provocate da muffe o funghi. Queste sono le malattie più gravi in quanto non c’è propriamente una cura, ma c’è l’urgenza di intervenire per circoscrivere il problema, eliminare le parti danneggiate e preservare, prendendole per tempo con gli appositi trattamenti, quelle sane.

Tra le malattie funginee più diffuse per le piante dell’orto troviamo la Fumaggine, l’Occhio di Pavone, la Xylella, la Botrite e gli Afidi. Vediamo più nel dettaglio le peculiarità di ciascuna di queste malattie.

La fumaggine è una patologia che si verifica in presenza dello sviluppo di funghi di vario genere che colpiscono generalmente gli alberi da frutto o le piante ornamentali. È riconoscibile da uno strato di colore nero che diventa sempre più denso per poi colpire anche i frutti, le foglie e i germogli.

Nel caso degli afidi, noti anche con il nome di pidocchi delle piante, si tratta di piccoli insetti che succhiano la linfa delle piante e provocano delle alterazioni sulle foglie. La botrite è una delle più frequenti malattie delle piante ed è riconoscibile in quanto sembra come del marciume grigio che si verifica su germogli, frutti e altri componenti delle piante.

Una delle più note, anche a livello mediatico, è la Xylella, un batterio con un’elevata variabilità fenotipica e genetica che si moltiplica all’interno dei vasi delle piante. La diffusione avviene tramite degli insetti che, nutrendosi delle piante già colpite, trasmettono poi il batterio alle piante sane.

Malattie derivanti da condizioni ambientali

Tra le malattie derivanti dalle condizioni ambientali va annoverato il cosiddetto Occhio di Pavone, un fenomeno tipico che colpisce le piante d’olivo. Quando si manifesta si presentano delle macchie (con un diametro che varia dai 2mm all’1cm) di colore verdastro, bruno o giallastro che, con il passare del tempo, diventano di colore nero per poi diventare bianca dopo la dispersione delle spore. Tale malattia è legata alle condizioni ambientali in quanto i conidi vengono trasportati dalla pioggia e dal vento e posti sulle parti sane della pianta, permettendo quindi la diffusione. Le condizioni favorevoli per l’attecchimento dell’Occhio di Pavone sono l’umidità e le temperature tra i 10 e i 20 gradi.

I rimedi per combattere le patologie più diffuse delle piante

Come abbiamo potuto vedere sono diverse e variegate le malattie che colpiscono le piante dell’orto. Più dei prodotti chimici, che forse risolvono un problema per crearne forse solo un altro, la soluzione più efficace sotto tutti i punti di vista arriva dall’utilizzo di prodotti a base microrganismi effettivi, capaci di avviare un vero e proprio processo di rigenerazione totalmente naturale e privo di rischi e controindicazioni per l’ambiente.

Nel nostro shop sono presenti tantissimi prodotti, ognuno relativo e specifico al tipo di fenomeno che si deve contrastare. Grazie all’utilizzo di questi microrganismi, estratti vegetali e Zeolitite a Chabasite, non dovrete più preoccuparvi per la salute e l’integrità delle vostre piante perché gli elementi naturali, debitamente utilizzati, sanno rivelarsi come i migliori alleati per la tutela della natura stessa.

prodotto-consigliato-emiko-attivatore-suolo-giardino

Post Correlati

Leave a comment