Un futuro migliore con la rigenerazione agricola

Gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile sono il progetto per raggiungere
un futuro migliore e più sostenibile per tutti.
l’agricoltura rigenerativa

“Un’agricoltura sostenibile è quella che non impoverisce né le persone né la terra”. – Wendell Berry 

Gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile sono il progetto per raggiungere un futuro migliore e più sostenibile per tutti. Affrontiamo le sfide globali che abbiamo di fronte, tra cui la povertà, la disuguaglianza, il cambiamento climatico, il degrado ambientale, la pace e la giustizia.

Uno tra tutti questi è di vitale importanza – l’agricoltura rigenerativa.

Cos’è l’agricoltura rigenerativa? Cos’è che speriamo di ottenere seguendo pratiche rigenerative in agricoltura?

Il rapido esaurimento del sistema ecologico fa prevedere uno scenario allarmante per la sopravvivenza delle generazioni future.

Lo spreco dilagante di risorse naturali e l’uso irresponsabile di pesticidi sono tra le ragioni critiche di questo declino. Inoltre, la parità economica distorta e la mancanza di  redditività del settore agricolo si aggiungono al quadro cupo.

Pertanto, le pratiche agricole rigenerative sono fondamentali, sia per il nostro presente che per il nostro futuro.

In termini profani, ciò significa soddisfare il bisogno della società di cibo di buona qualità e sano e di altri prodotti agricoli. Tutto questo, senza impattare negativamente sulla capacità delle generazioni future di fare lo stesso.

La chiave è trovare il giusto equilibrio tra la produzione di cibo e la conservazione dell’ecosistema.

Inoltre, aiuta gli agricoltori, protagonisti principali dell’agricoltura, a raggiungere la stabilità economica e a migliorare la loro qualità di vita.

Le pratiche agricole rigenerative lavorano per raggiungere un ecosistema fiorente, un’economia produttiva e una parità socio-economica.

Ogni protagonista di questa catena del valore, dagli agricoltori, agli esperti di agricoltura, agli esperti di gestione dei rifiuti, alle aziende di trasformazione alimentare, ai distributori, ai dettaglianti e ai consumatori, può aggiungere valore e fare la sua parte nella costruzione di un futuro sostenibile per tutti. La necessità di pratiche agricole rigenerative diventa ancora più significativa in un paesi come l’India, dove l’agricoltura è la fonte di lavoro primaria.

Circa il 58% della popolazione indiana dipende dall’agricoltura per il suo sostentamento.

Quindi, in che modo le pratiche agricole sostenibili e rigenerative aiutano le generazioni attuali e future?

Si prevede che entro l’anno 2050, il mondo avrà bisogno di circa il 70% di cibo in più di quello che viene prodotto attualmente per sostenere la crescente popolazione mondiale.

Le tecniche agricole rigenerative ruotano intorno all’uso ottimale delle risorse naturali senza danneggiare in alcun modo l’ambiente.

Combattere la povertà con la rigenerazione

Alcuni impatti potenti e positivi dell’agricoltura rigenerativa

Conserva le risorse naturali e promuove ecosistemi più sani.

L’impiego di pratiche agricole rigenerative assicura che le risorse naturali come l’acqua, l’elettricità, l’aria, ecc. siano utilizzate in modo ottimale. Di conseguenza, queste saranno disponibili anche per le nostre generazioni future.

Un esempio è l’uso di tecniche di irrigazione efficienti come le tecniche di irrigazione a pioggia e a goccia, l’utilizzo di queste tecniche evolute ha portato a una riduzione del 60%    nell’uso dell’acqua. Le pratiche agricole rigenerative promuovono ecosistemi sani, poiché tutto e tutti fioriscono in un ambiente equilibrato.

Riduce l’inquinamento e gli effetti negativi sulle risorse della terra. Le tecniche agricole sostenibili riducono il bisogno di risorse energetiche non rinnovabili. Le attività agricole contribuiscono a circa il 12% delle emissioni globali di gas serra, e l’agricoltura industriale non fa che aggiungere danni. Le tecniche di agricoltura rigenerativa lavorano per l’adozione di buone pratiche agricole in modo che ci sia uno spreco minimo di raccolto e di risorse.

I contadini vengono guidati nell’usare pesticidi e fertilizzanti solo in situazioni critiche e in modo ottimale, il che si traduce in due aspetti positivi.

Uno, non ci sono residui di pesticidi nel raccolto.

Due, la terra intorno alle fattorie, che è resa superflua dal sovraccarico di prodotti chimici nel suolo, può essere recuperata.

Assicura una migliore qualità e un cibo più sano

Promuove la crescita sociale ed economica

Gli agricoltori lavorano in condizioni di lavoro umane ed eque e ricevono un prezzo ragionevole per i loro prodotti. Di conseguenza, riducono significativamente la loro dipendenza dai sussidi e dalle concessioni per condurre una vita di qualità

Aiuta a ridurre i costi dell’agricoltura

L’uso di pratiche sostenibili e rigenerative riduce la necessità di combustibili fossili, prodotti chimici, e anche i costi di trasporto.

Tutto questo porta a una significativa riduzione dei costi complessivi dell’agricoltura, che a sua volta significa prodotti di migliore qualità a prezzi più bassi.

Metodi come la rotazione delle colture, la diversità delle colture, l’uso di risorse rinnovabili contribuiscono a muoversi verso un’agricoltura rigenerativa. Inoltre, le colture di copertura, l’arricchimento del suolo, le tecniche naturali di controllo dei parassiti, l’uso ottimale dei pesticidi, sono anche componenti essenziali dell’agricoltura sostenibile. Tutti questi metodi e tecniche impiegano pratiche agricole che sfruttano la natura e usano le sue risorse in modo ottimale.

Ecco alcuni metodi di agricoltura rigenerativa che fanno la differenza

Arricchimento del suolo

Terreni ricchi e fertili sono parte integrante della crescita di colture sane e dell’aumento della resa del raccolto. Le tecniche tradizionali di coltivazione spesso riducono la fertilità del suolo con l’uso eccessivo di pesticidi.

Pratiche agricole sostenibili come lasciare i residui del raccolto nel campo dopo il raccolto, usare compost vegetale e animale come concime, sono pratiche di sostanziale importanza.

Rotazione delle colture

La rotazione delle colture è un metodo potente e molto efficace per muoversi verso l’adozione di un’agricoltura rigenerativa. Aiuta ad eliminare le sfide che derivano dal piantare la stessa coltura nello stesso terreno per anni insieme. Il principale è l’eliminazione dei parassiti che attaccano determinate colture. La rotazione delle colture abbatte la popolazione dei parassiti che prosperano su una particolare varietà di coltura. Inoltre, piantare colture che reintegrano le sostanze nutritive delle piante dopo il raccolto di una coltura specifica, porta a una minore necessità di fertilizzanti chimici.

Colture di copertura

Come suggerisce il nome, le colture di copertura sono seminate per la protezione e l’arricchimento del suolo. Le colture di copertura come il trifoglio, l’avena e la segale proteggono il suolo dall’erosione del vento e dell’acqua. Sopprimono anche la crescita delle erbacce, ottimizzano i livelli di azoto nel suolo e migliorano la qualità generale del terreno.

Tutto questo porta a una minore necessità di fertilizzanti.

Cacciatori naturali di parassiti

Molti uccelli e animali sono predatori naturali di parassiti che affliggono e distruggono i raccolti. L’agricoltura sostenibile assicura la presenza di questi uccelli e animali nelle fattorie, tenendo così sotto controllo il numero di parassiti. Di conseguenza, migliora notevolmente la produzione e la qualità del raccolto coltivato.

L’uso dei predatori di parassiti è una tecnica molto efficace per controllare l’assalto dei parassiti. Tutte queste e molte altre pratiche rigenerative portano a un futuro più redditizio e vitale per tutti. In effetti, questo è l’unico modo per garantire che le generazioni successive abbiano un futuro.

Impegniamoci tutti a fare la nostra parte per nutrire la natura. 

Rigenerazione della terra

Post Correlati

Lascia un commento

Cart
  • No products in the cart.

Questo sito web utilizza cookies per permettere la corretta navigabilità del sito e per i servizi ad esso connessi. Clicca sul bottone 'Accetto Cookie' per proseguire la corretta navigabilità.