Fertilizzanti naturali per le tue piante: come sfruttare i rifiuti organici

La natura è molto più potente di quanto immaginiamo: esistono tantissimi fertilizzanti naturali utili per la cura dell’orto, del giardino e delle piante.
Fertilizzanti naturali con Microrganismi

I fertilizzanti naturali

I fertilizzanti naturali sono una serie di prodotti di uso comune che più o meno quotidianamente gettiamo nel sacchetto dell’umido della raccolta differenziata, ignorando quanto potrebbero invece conoscere una sorta di ‘seconda vita’ utile proprio a dare vita alle piante, risparmiando quindi sia sullo smaltimento di questi rifiuti, sia sull’acquisto di altri fertilizzanti e soprattutto evitando di inquinare e danneggiare l’ambiente con l’immissione di sostanze nocive come quelle presenti nei prodotti industriali di tipo chimico.

Questi detergenti probiotici sono ipoallergenici e svolgono la funzione anche di eliminare i cattivi odori senza coprirli (più che eliminarli) con le varie essenze aromatiche, come fanno regolarmente i detergenti chimici.

Anche i costi di questi prodotti sono convenienti in quanto hanno un elevato grado di diluizione che permette ad ogni confezione di essere utilizzata a lungo.

Fertilizzante Naturale per Piante

I 10 fertilizzanti naturali più comuni

Oggi vogliamo fornirvi dei consigli molti utili su come utilizzare alcuni rifiuti organici e prodotti di uso comune, con cui abbiamo a che fare quasi quotidianamente: molti di questi potrebbero sembrarvi dei semplici rimedi della nonna, alcuni sono più conosciuti e altri meno, ma in realtà garantiscono una fortissima resa in un modo totalmente naturale e sano per l’ambiente, se utilizzati nel modo corretto.

  1. I fondi di caffè sono forse tra i più conosciuti e rinomati: possono essere utilizzati sia in aggiunta al compost che, semplicemente, spargendoli sul terreno, e in particolare sono molto utili ed indicati per le piante ornamentali come azalee, camelie e gerani.
  2. Forse non lo sapevi, ma anche il lievito di birra ha diverse funzioni utili in agricoltura: infatti, è ideale come repellente contro alcuni insetti ed è particolarmente efficace come fertilizzante per le rose: per preparare questo fertilizzante è sufficiente sciogliere 3 cucchiai di lievito in 10 litri di acqua e irrigare poi il giardino.
  3. Anche le bucce di banana sono un ottimo fertilizzante ricco di proprietà naturali da utilizzare come concime: bisogna avere solamente la premura di tritarle in piccoli pezzetti da interrare successivamente superficialmente nel terreno.
  4. Per l’irrigazione dell’orto è possibile utilizzare anche l’acqua usata per la cottura delle verdure. Essa è ricca di micronutrienti per le piante che beneficeranno di questa irrigazione.
  5. Se avete modo di trascorrere una giornata al mare, potete anche rimediare un ottimo componente naturale da utilizzare come concime: vi consigliamo di raccogliere delle alghe, che possono essere macerate nell’acqua per poi essere utilizzate come fertilizzante.
  6. Lo stesso procedimento per le alghe può essere applicato alle ortiche: bisogna prendere la pianta intera priva delle radici da macerare all’interno di 10 litri d’acqua. Dopo 12 ore il concentrato sarà pronto e potrà essere distribuito sulle piante tramite un erogatore spray.
  7. Forse non molti lo sanno, ma anche il vino rosso, se aggiunto all’acqua utilizzata per l’irrigazione, può essere utilizzato per favorire una fioritura abbondante.
  8. Problemi con le lumache che invadono il terreno? Un rimedio naturale ed effeciente è quello di applicare un sottile trito di gusci d’uovo, che favorisce la fertilità e tiene lontane le lumache.
  9. Così come i fondi del caffè che abbiamo visto nel primo punto, anche gli infusi di camomilla e calendula sono ottimi per fertilizzare le piante ornamentali e per far crescere quelle coltivate in base, grazie alle numerose proprietà benefiche che le compongono.
  10. Infine anche la cenere è un ottimo fertilizzante da utilizzare prevalentemente per realizzare il letto per la semina e il trapianto: se si ha un camino a disposizione nella propria abitazione e lo si utilizza molto in inverno, sarà molto facile produrre una grande quantità di cenere da riutilizzare in agricoltura.
prodotto-consigliato-microconcime

Post Correlati

Leave a comment