le micorrize 

La parola "micorriza" significa letteralmente "fungo-radice". Le micorrize sono una forma di fungo benefico che non può vivere senza essere collegato alle radici delle piante.
le micorrize

LE MICORRIZE

La parola “micorriza” significa letteralmente “fungo-radice”. Le micorrize sono una forma di fungo benefico che non può vivere senza essere collegato alle radici delle piante. Ma il legame non si limita ad aiutare i funghi a sopravvivere! Insieme, formano una relazione simbiotica che offre straordinari benefici anche alla pianta ospite, come un maggiore assorbimento di sostanze nutritive, una maggiore resistenza alle malattie o allo stress e rese più elevate. Parleremo dei benefici delle micorrize in modo più dettagliato qui di seguito.

Oltre il 95% delle piante del mondo forma associazioni benefiche con funghi micorrizici. Alcuni tipi colonizzano solo la superficie delle radici delle piante, le cosiddette micorrize ecto. Questi funghi si legano a determinati alberi legnosi come conifere, noccioli e noci pecan. Le micorrize endomorfe, invece, penetrano nelle cellule delle radici e diventano parte integrante dell’apparato radicale stesso. Sono anche molto più diffuse. L’80-85% delle colture commestibili da giardino, degli alberi da frutto, dei fiori, delle piante erbacee e delle piante ornamentali si associa con le micorrize endomorfe, che si trovano nei prodotti micorrizici realizzati per i giardini domestici.

Cosa fanno le micorrize?

Dopo aver colonizzato le radici delle piante, le micorrize agiscono come un’estensione del sistema radicale della pianta e possono aumentare la superficie di assorbimento delle radici fino a 700 volte! Immaginate milioni di piccole cannucce e dita ora disponibili per accedere in modo più profondo ed efficiente alle preziose risorse del suolo, tra cui acqua, sostanze nutritive e persino aria.

I FUNGHI MICORRIZICI RILASCIANO ENZIMI

Inoltre, i funghi micorrizici rilasciano enzimi che aiutano a “sbloccare” e sciogliere i nutrienti essenziali all’interno del terreno. Questa reazione rende i nutrienti più biodisponibili per le piante, compresi fosforo, ferro e altri minerali. Tenete presente che le micorrize non sono un fertilizzante, quindi aiutano le piante a utilizzare solo le sostanze nutritive presenti nel terreno (anche se migliori). Infine, ma non meno importante, i funghi micorrizici formano reti intricate che catturano e immagazzinano i nutrienti in eccesso nel terreno per utilizzarli successivamente. Questo aumenta la fertilità del suolo a lungo termine.

Che cosa ottengono i funghi da tutto questo lavoro da buoni samaritani? La risposta è il cibo. Poiché le micorrize aiutano le piante a utilizzare meglio i nutrienti per la crescita e la fotosintesi in superficie, le piante inviano gli zuccheri alle radici per nutrire i funghi. Tutti vincono!

Vantaggi dell’uso delle micorrize

Grazie agli scambi reciprocamente vantaggiosi che avvengono tra i funghi micorrizici e le radici delle piante (ad esempio, un maggiore assorbimento dei nutrienti), gli studi dimostrano che le micorrize offrono alle piante i seguenti benefici:

  • Promuove la crescita di piante più grandi e un fogliame più sano e di colore verde scuro.
  • Favorisce una maggiore produzione di fiori e frutti (più numerosi e/o più grandi). Per gli agricoltori, una maggiore produzione significa anche un maggiore reddito.
  • Maggiore resistenza a stress, calore e altri cambiamenti ambientali.
  • Migliore assorbimento dell’acqua, con conseguente maggiore resistenza alla siccità e minore richiesta di acqua per la pianta.
  • Riduce il rischio di shock da trapianto, ad esempio quando si piantano nuovi alberi o si spostano all’esterno piantine cresciute in casa.
  • Aumenta la resistenza delle piante alle malattie, favorendo un miglioramento generale della salute delle piante. Inoltre, quando le radici delle piante sono colonizzate o rivestite da funghi micorrizici, limitano l’accesso alle radici da parte di altri parassiti, funghi o malattie dannose. Per esempio, gli studi dimostrano che le radici delle piante colonizzate dalle micorrize hanno una maggiore protezione contro i nematodi parassiti del nodo radicale e gli insetti masticatori di radici!
  • Riduce la necessità di apportare fertilizzanti (e i relativi costi).
  • Riduce l’accumulo e i livelli residui di contaminanti tossici nelle colture, come gli inquinanti organici persistenti (POP), che le piante assorbono facilmente nelle radici e nei tessuti.
  • Migliora naturalmente la struttura e la fertilità del suolo e promuove una rete alimentare sana e vivente.

Che cosa ottengono i funghi da tutto questo lavoro da buoni samaritani? La risposta è il cibo. Poiché le micorrize aiutano le piante a utilizzare meglio i nutrienti per la crescita e la fotosintesi in superficie, le piante inviano gli zuccheri alle radici per nutrire i funghi. Tutti vincono!

apparato radicale e micorrize

Quasi tutte le specie vegetali traggono beneficio dalle associazioni micorriziche! La capacità delle micorrize di rendere il fosforo più biodisponibile è particolarmente preziosa per le colture orticole da fiore e da frutto come pomodori, peperoni, zucche, cetrioli, melanzane, fagioli, cannabis, bacche, alberi da frutto e altro ancora. Aiuterà anche i fiori e gli arbusti ornamentali, sia annuali che perenni, a prosperare. Oltre ai fiori e alla frutta, le micorrize favoriscono una crescita più vigorosa di erbe, lattuga, patate, carote, asparagi, aglio e cipolle.

La famiglia delle brassiche è tra le poche piante che non formano associazioni micorriziche. Ciò significa che i vostri broccoli, cavoli, rape o ravanelli non trarranno alcun beneficio dalle micorrize, ma non le danneggeranno nemmeno!

Come usare le micorrize in giardino

Le micorrize dovrebbero essere naturalmente presenti in qualche misura in un terreno sano e organico. L’uso di tecniche di giardinaggio biologico come il compost, le tisane di compost, le colture di copertura, la pacciamatura o i metodi no-till favoriscono una rete alimentare vivente del suolo ricca e diversificata! I fertilizzanti chimici, i pesticidi e gli erbicidi rendono il suolo sterile e inospitale per tutti gli esseri viventi, compresi quelli buoni.

Tuttavia, può essere necessario molto tempo per sviluppare una robusta popolazione di funghi micorrizici in un giardino domestico medio, soprattutto nei giardini di nuova costituzione. Inoltre, le popolazioni autoctone di funghi possono variare drasticamente da una stagione all’altra o da un’aiuola all’altra. Pertanto, il modo migliore per garantire che le piante raccolgano i frutti dei funghi benefici è inoculare il giardino con le micorrize.

Un altro modo fantastico per aggiungere le micorrize al terreno è quello di mescolare un prodotto idrosolubile a base di micorrize e innaffiarlo. Potete farlo in qualsiasi momento, sia subito dopo il trapianto, sia per potenziare in seguito le piante già affermate (ad esempio, alberi da frutto o arbusti). Se seminate direttamente in giardino (ad esempio fagioli, piselli o aglio), aspettate a innaffiare con le micorrize fino a quando non avranno almeno diverse settimane di vita e avranno sviluppato un paio di “foglie vere”, il che significa che a quel punto avranno anche sviluppato delle radici!

Indipendentemente dal metodo scelto, tenete presente che i funghi devono entrare in contatto diretto con le radici vive il prima possibile per poter sopravvivere. Per questo motivo, applicate sempre le micorrize immediatamente intorno all’apparato radicale della pianta. Non possono viaggiare alla ricerca di radici.

Ricordate che le micorrize non sono un fertilizzante, ma semplicemente aiutano le piante a utilizzare meglio le sostanze nutritive presenti nel terreno. Quindi, assicuratevi di ammendare regolarmente il vostro giardino con compost e fertilizzanti organici delicati!

Le micorrize possono essere dannose per le piante?

Il rischio di danneggiare le piante utilizzando prodotti a base di funghi micorrizici e microrganismi effettivi in agricoltura, orto e in giardino è praticamente nullo, soprattutto se si seguono le indicazioni per l’applicazione. È praticamente impossibile “esagerare”. Le micorrize non sono un fertilizzante e quindi non possono “bruciare” le piante come potrebbe fare un prodotto ad alto contenuto di azoto. Se si aggiungono al terreno funghi benefici in eccesso rispetto a quelli che possono formare associazioni con le radici delle piante, questi moriranno.

Da dove vengono i funghi micorrizici?

La relazione tra micorrize e piante può essere fatta risalire a milioni di anni fa. Secondo studi genetici, le piante preistoriche che vivevano nell’oceano iniziarono a migrare lentamente sulla terraferma circa 700 milioni di anni fa. Avevano un apparato radicale molto ridotto e il terreno era duro e inesorabile. Nel corso del tempo, le piante si sono alleate con i funghi che già dominavano la terra. Insieme si sono evoluti per migliorare il suolo: le piante hanno sviluppato apparati radicali più complessi, i cicli dei nutrienti si sono consolidati, la materia organica è cresciuta (e si è decomposta) e la vita terrestre come la conosciamo è fiorita.

I moderni prodotti micorrizici sono creati in strutture che “coltivano” o allevano ceppi selezionati di funghi micorrizici benefici presenti in natura. Funghi si riproducono rilasciando spore. Queste spore vengono poi raccolte, trasformate in prodotti inoculanti micorrizici e vendute con le spore in stato dormiente. In seguito, una volta aggiunte al terreno e messe a contatto con le radici delle piante vive e con l’umidità, le spore germoglieranno e diventeranno un tutt’uno con le radici!

Ricordate: nutrite il terreno, non la pianta!

Il giardinaggio biologico si basa sulla costruzione e sul mantenimento di un terreno ricco e sano, piuttosto che sulla semplice concimazione delle piante, ed è sicuro che le micorrize sono una parte essenziale di un ecosistema completo del suolo! Quest’anno in collaborazione con Widdar abbiamo anche noi, il nostro prodotto con le micorrize.

Un mix perfetto di microrganismi rigenerativi e funghi micorrizici, Vitalsun X33 una formulazione liquida con microrganismi utili e funghi micorrizici opportunamente arricchita, attivata e potenziata con il metodo Trinium®  completano e rinforzano i microrganismi già presenti nel suolo per combattere insieme quelli nocivi e per apportare al suolo o alla pianta sostanze che favoriscono o regolano l’assorbimento degli elementi nutritivi o correggono le anomalie di tipo fisiologico.

le micorrize sono una forma di fungo

Post Correlati

Lascia un commento

Cart
  • No products in the cart.

Questo sito web utilizza cookies per permettere la corretta navigabilità del sito e per i servizi ad esso connessi. Clicca sul bottone 'Accetto Cookie' per proseguire la corretta navigabilità.