Il cervello addominale

Il sistema nervoso enterico attraversa quasi l'intero sistema digerente, dall'esofago al retto. Insieme al sistema immunitario - circa il 70 percento delle cellule immunitarie si trova nell'intestino.
Il cervello addominale

Il cervello addominale, dove prendiamo le decisioni di pancia

Tuttavia, anatomisti e ricercatori sul cervello hanno da tempo confermato che questa è molto più di una semplice figura retorica. C’è una connessione tra l’intestino e il cervello che viene utilizzata per una comunicazione vivace. Ad esempio, lo stato dell’intestino può influenzare gli stati d’animo e le emozioni di una persona e influenzare il modo in cui pensa e agisce. Come funziona esattamente questo è oggetto di studio da parte dei neurogastroenterologi. Un contributo che sottolinea l’importanza di una buona alimentazione.

Il cervello addominale

è la descrizione colloquiale di una rete di nervi nella regione addominale e intestinale. Fa parte del sistema nervoso enterico (ENS), che è collegato al cervello tramite il cosiddetto nervo vago. Il sistema nervoso enterico, a sua volta, fa parte del sistema nervoso periferico (al di fuori del cranio e del canale spinale) e separato dal sistema nervoso centrale (cervello e midollo spinale).

Il sistema nervoso enterico attraversa quasi l’intero sistema digerente, dall’esofago al retto. Insieme al sistema immunitario – circa il 70 percento delle cellule immunitarie si trova nell’intestino – è considerato il sistema informativo più importante del corpo. La neuro-gastroenterologia si occupa dello studio del nostro “cervello addominale“. Questa branca della scienza è ancora giovane e ci fornirà sicuramente molte più informazioni sul nostro “secondo cervello” in futuro.

Il cervello addominale: la connessione tra l'intestino e il cervello

Il compito del cervello addominale

Le cellule nervose del cervello addominale prendono indipendentemente tutte le decisioni importanti per l’intestino. Il cervello addominale regola il sistema motorio intestinale e la digestione. Analizza la composizione dei nutrienti e coordina ciò che viene assorbito e ciò che viene espulso.
Un esempio molto semplice della funzione del cervello addominale: hai mangiato cibo avariato. Il cervello addominale riferisce al cervello della testa che ci sono tossine nel corpo . Il cervello della testa, a sua volta, invia segnali al sistema nervoso enterico per attivare i riflessi motori che inducono il vomito.

In che modo le informazioni arrivano dall’intestino al cervello?

Il cervello viene informato tramite il nervo vago sulla situazione nell’intestino, in altri organi addominali e sullo stato del sistema immunitario. Il nervo vago è una connessione di corde nervose che si estende dall’addome alla corteccia cerebrale e quindi al sistema limbico, il nostro centro emotivo.
Almeno l’80 percento delle fibre nervose del nervo vago va dall’addome al cervello. Solo poche fibre nervose corrono nella direzione opposta, inviando informazioni dal cervello all’intestino.

Come vengono trasportate le informazioni?

Il sistema nervoso enterico comprende più di 100 milioni di cellule nervose ed è anche meglio equipaggiato del midollo spinale. I tipi cellulari e i recettori del tratto gastrointestinale sono identici a quelli del cervello. Comunicano tra loro tramite le stesse sostanze messaggere, come la serotonina e la dopamina.
La serotonina e la dopamina sono colloquialmente chiamate ormoni della felicità. Il 95 percento della sostanza messaggera serotonina prodotta nel corpo umano proviene dal tratto gastrointestinale. Un alto livello di serotonina aumenta il buonumore e allontana l’aggressività e l’ansia. Si ritiene probabile che la serotonina prodotta nell’addome abbia un effetto anche sul cervello.

Informazioni dai batteri

Circa due chilogrammi di batteri utili, che sono costituiti da un massimo di 1000 specie diverse, aiutano l’intestino con la digestione. I microrganismi, la loro composizione e i loro prodotti metabolici possono anche influenzare i processi nel cervello attraverso il collegamento dall’intestino al cervello. I loro prodotti metabolici possono raggiungere il cervello anche attraverso il sangue.
Vi è una crescente consapevolezza che una colonizzazione scorretta nell’intestino può anche essere causa di disturbi neurologici o disturbi in organi che non hanno un collegamento diretto con l’apparato digerente.

Prenditi cura del tuo cervello addominale

Una dieta varia, ricca di vitamine, minerali, oligoelementi, proteine di alta qualità e un moderato apporto di carboidrati sembra essere la migliore cura per il nostro cervello addominale. In particolare, il consumo di cibi non trasformati allevia il carico sull’intestino e fornisce al nostro cervello addominale l’informazione “non c’è niente di dannoso qui”. La flora intestinale si sviluppa in modo corrispondentemente positivo, le cui informazioni e prodotti metabolici non hanno un effetto negativo sul cervello.

Il detto “Sei quello che mangi” riassume l’influenza dell’alimentazione sul benessere fisico e mentale, noi siamo convinti che non solo siamo quello che mangiamo, ma siamo quello che riusciamo a digerire e i microrganismi in questo giocano un ruolo cruciale.

Assicuratevi il pieno di batteri vivi, rigenerativi e sani con Emikosan o EM Drink 

Una dieta varia, ricca di vitamine, minerali

Post Correlati

Lascia un commento

Cart
  • No products in the cart.

Questo sito web utilizza cookies per permettere la corretta navigabilità del sito e per i servizi ad esso connessi. Clicca sul bottone 'Accetto Cookie' per proseguire la corretta navigabilità.